enogastronomiaEsquisitoFriuli Venezia Giulia

ULTIMA GIORNATA PER GUSTI DI FRONTIERA: ATTESO IL GRANDE PUBBLICO PER DOMANI, DOMENICA 24 SETTEMBRE

GUSTI DI FRONTIERA 2023

ULTIMA GIORNATA PER GUSTI DI FRONTIERA: ATTESO IL GRANDE PUBBLICO PER DOMANI, DOMENICA 24 SETTEMBRE, AD AFFOLLARE I 14 BORGHI GEOGRAFICI.

PROSEGUONO GLI SHOW COOKING E LE DEGUSTAZIONI PROPOSTE DA SLOW FOOD AL PARCO DEL GUSTO SEMPRE ATTIVO IL SERVIZIO GRATUITO DI BUS NAVETTA CHE GARANTISCE IL TRASFERIMENTO DAI PARCHEGGI AL CENTRO CITTÀ.

IN COLLABORAZIONE CON TRENITALIA ATTIVE FINO A TARDA SERA DI DOMENICA LE CORSE STRAORDINARIE CON COLLEGAMENTI DA E PER TRIESTE, UDINE, SACILE E CARNIA. GLI STAND DOMANI APRONO ALLE 10.00 E CHIUDONO ALLE 24.00

CONFERMATO ANCHE QUEST’ANNO IL TRENINO INTERNAZIONALE GRATUITO DA E PER NOVA GORICA MENTRE NOVITÀ DELLA DICIOTTESIMA EDIZIONE IL TRENO STORICO GUSTI DI FRONTIERA TRIESTE – NOVA GORICA – GORIZIA – TRIESTE, UNA LOCOMOTIVA ANNI ’30 “CENTOPORTE”: LA CORSA È PREVISTA PER DOMANI, DOMENICA 24 SETTEMBRE

GORIZIA- Si avvia a conclusione le 18^ edizione della kermesse enogastronomica in corso a Gorizia Gusti di Frontiera che è pronta ad accogliere la folla dell’ultima giornata. La più grande manifestazione enogastronomica del Nordest italiano invade ancora per tutta la domenica con i suoi profumi e i suoi colori le strade e le piazze di Gorizia per un’appassionante avventura intorno alle pietanze di tutto il mondo. Con 40 Paesi dai 5 continenti, 341 stand suddivisi nei 14 Borghi geografici, il mappamondo delle cucine conquista i palati di tutti, passando da alcuni dei piatti più amati del nostro Paese – come lo stand dei toscanicon le amatissime fiorentine ma anche le mozzarelle filate davanti ai visitatori e degustate freschissime, dove spicca la “Burrola”, i deliziosi biscotti con l’immagine di Gusti proposti da una pasticceria di Forlì, i carciofi fritti, gli arrosticini e i cannoli siciliani, le arancine, i formaggi, le focacce liguri, i fasolari di Marano Lagunare – alle griglie sempre incandescenti dell’area balcanica, le birre di Inghilterra e Irlanda, le succulente pietanze dell’Austria fino alle specialità più esotiche e lontane come le speziatissime proposte del Borgo Africa – tra platano fritto, riz saute, samosa e sorbetto al cocco – l’affascinante cucina thai in piazza Vittoria ma anche l’effervescente Borgo Latino americano e il gettonatissimo Borgo Mare. Apertura degli stand dalle 10.00 alle 22.00 

Sempre spazio alle eccellenze locali al Parco del Gusto, allestito nel Parco del Municipio, dove è presente slow food con i suoi presidi e le sue attività – tra incontri e show cooking con rinomati chef del territorio – l’Onav (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino) per il Comune di Gorizia, il Gect, i Comuni di Nova Gorica, San Peter e Vertojba, lo Ial e il Movimento Turismo del Vino. Intensa la giornata di domenica, a partire dalla presenza di Antonio Noacco(Biodiversity Care Group) che parlerà dell’importanza della biodiversità nel vigneto, per passare al giornalista ed enologo Claudio Fabbro con Martin Figelj, presidente Coldiretti di Gorizia e presidente Apro (produttori della Ribolla di Oslavia e Ribolla gialla del Collio e Brda) e Fabijan Muzic, dottore enologo, per l’incontro “Esplorando le radici del vino friulano”. Nel pomeriggio (ore 16.00) il giornalista e wine promoter Stefano Cosma sarà protagonista dell’appuntamento “Il Tazzelenghe, vino rosso – taglia lingua- e i suoi abbinamenti”, ospiti i produttori del “Tazzelenghe team”. Sarà poi la volta di chef Gabriella Cottali che interverrà su “Sostenibilità e Tradizione” e quindi del giornalista Enrico Maria Milič con “La resistenza sentimentale del Carso”.

Si ricorda che è sempre attivo il servizio gratuito di bus navetta che garantisce ai visitatori il trasporto verso il centro città partendo dai comodi parcheggi limitrofi e gratuiti. Inoltre proseguono fino a tarda sera le corse di Gusti di Frontiera con collegamenti da e per Trieste, Udine, Sacile e Carnia fino a tarda sera. Confermato anche quest’anno il trenino internazionale da e per Nova Gorica, anch’esso gratuito.

Novità della diciottesima edizione il Treno storico Gusti di Frontiera Trieste – Nova Gorica – Gorizia – Trieste, una locomotiva con carrozze anni ’30 “Centoporte”, in programma per domani, domenica 24 settembre, ultima giornata della manifestazione. Il Treno storico Gusti di Frontiera accoglierà gli ospiti nei caratteristici salottini in legno lucido e li condurrà alla scoperta della kermesse enogastronomica. Il treno parte da Trieste alle 10.05 dalla Stazione Centrale passando da Monfalcone e arrivando a Gorizia alle 10.50. Ripartirà alle 11.20 alla volta di Nova Gorica (con arrivo alle 11.35). Il ritorno è previsto da Gorizia Centrale alle 19.10 (arrivo a Monfalcone 19.30 e a Trieste Centrale 19.55).

Nella tratta dalla stazione di Gorizia Centrale fino alla Transalpina, dove sarà illustrata ai passeggeri l’anima transfrontaliera della città, salirà a bordo anche il Sindaco di Gorizia Rodolfo Ziberna che all’arrivo alla Transalpina incontrerà il Sindaco di Nova Gorica Samo Turel: un ulteriore momento per rinforzare il legame dei due comuni che condividono il ruolo di Capitale Europea della Cultura 2025.

Si ricorda che sono numerose le aperture gratuite di luoghi culturali e delle mostre in occasione della manifestazione, a partire dall’ingresso gratuito nel medievale Castello di Gorizia, al Museo del confine Lasciapassare/Prepustnica, presso il Valico del Rafut e dei Musei ERPAC di Borgo CastelloAncora, visite guidate gratuite alla sezione di Casa Formentini che ospita la cucina tradizionale goriziana, apertura della Sala espositiva della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia con il suo Smart Space e Palazzo Coronini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *