Esquisito

Positive le pagelle di Goletta Verde alle acque del Friuli Venezia Giulia

Goletta Verde ha presentato a San Giorgio di Nogaro i dati sul monitoraggio delle acque della costa del Friuli-Venezia Giulia. Dei 10 punti campionati e analizzati solo uno risulta oltre i limiti di legge. Si tratta della foce del canale in località Rio Canale Fugnan a Muggia, che finisce nella black-list di Goletta Verde da ben 13 anni. Il giudizio di quest’anno è “fortemente inquinato”.

Gli altri 9 punti, di cui 5 a mare e 4 alle foci di fiumi e canali, sono stati analizzati presso laboratori specializzati e sono risultati entro i limiti di legge come lo scorso anno. Due sono in provincia di Trieste: la spiaggia in località Barcola e quella in località Sistiana Castelreggio a Duino Aurisina. Semaforo verde, in provincia di Gorizia, per le spiagge di Marina Julia a Monfalcone, quella di Grado tra viale del Sole e Via Svevo e la foce del fiume Isonzo in località Punta Sdobba, sempre a Grado.

Quattro i punti analizzati in provincia di Udine: la foce dello Stella a Precenicco, lo scarico del depuratore a Lignano Sabbiadoro, la spiaggia del lungomare Trieste all’incrocio con via Gorizia a Lignano Sabbiadoro e la foce del Tagliamento a Lignano Riviera.

Giunta alle 37esima edizione, Goletta Verde monitora lo stato di salute delle acque marine e delle coste. “I risultati emersi dal monitoraggio delle acque delle nostre coste da conferma in Friuli Venezia Giulia il trend dell’anno scorso – precisa Legambiente Trieste. Negli ultimi anni sono stati avviati e portati a termine i lavori per gli impianti di depurazione per alcuni agglomerati finiti, negli anni passati, sotto procedura d’infrazione da parte dell’Unione Europea. Lo sforzo dal punto di vista delle infrastrutture c’è stato per uscire da questo status, ora occorre risalire alla fonte di inquinamento del Rio Canal Fugnan” conclude l’associazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *